Archivio dei tag John Deacon

Mama, just killed a man

Il conto alla rovescia è iniziato, il 29 novembre esce Bohemian Rhapsody, il film sulla storia dei Queen. “Mamma ho appena ucciso un uomo”, così nel 1975 recitava uno dei primi versi dirompenti della Rapsodia scritta per mano di Freddie Mercury, 6 minuti la durata del pezzo, tantissimo per un singolo da lanciare, soprattutto in quegli anni. Una canzone che al suo interno racchiude tutti i generi possibili, da un’introduzione corale cantata a cappella, a un segmento in stile ballata, al famoso passaggio d’opera, fino alla conclusione con una sezione hard rock. Qualcosa di maestoso che consacrò definitivamente la band della Regina e che oltre quarant’anni dopo si celebra nel film che prende il titolo proprio dall’omonima composizione. Molto è stato detto, molti aneddoti svelati, già numerosi trailer del film pubblicati, ma rimaniamo ansiosi per la narrazione non solo della vita di Freddie Mercury, ma anche e soprattutto della band.

Rami Malek – Bohemian Rhapsody

La sola cosa più straordinaria della loro musica è la sua storia” recita l’incipit del trailer. Il film è incentrato sulla figura del frontman, la vera e unica Regina del gruppo. Ma dei denti sporgenti di Farrokh Bulsara poco ci importa, ma sulla creazione delle canzoni, sui segreti che ciascuna band nasconde tra le mura di uno studio di registrazione, o sulla nascita di un tour, qui siamo davvero ansiosi di sapere. Soprattutto per chi ha avuto la fortuna, come chi vi scrive di vedere una volta i Queen, quelli veri! Dal vivo, il 14 settembre 1984 al Palasport di Milano, l’aspettativa è che il film racconti il backstage della band e delle sue canzoni. Quello che non conosciamo. Dunque pronti a fare un tuffo nel passato, un ritorno alle origini del rock. Saremo gli ultimi ad assistere alla proiezione che ha debuttato in Inghilterra il 24 ottobre scorso e negli USA il 2 novembre. Poco importa, ci siamo. È il film sulla musica dei Queen e del suo leader Freddie Mercury, dalle origini e per scelta di Brian May e Roger Taylor fino alla trionfale apparizione del gruppo al Live Aid del 13 luglio del 1985, venti minuti sul palco di Wembley che hanno fatto la storia della musica.

Queen – Live Aid, Wembley Stadium, 13 luglio 1985

Poco spazio al gossip e alle indiscrezioni legate agli ultimi anni di vita di Mr.Bad Guy e alla malattia che lo colpì. Solo lo scioccante annuncio da parte del frontman alla band prima dell’esibizione al Live Aid. E questo sarà un capitolo a parte, ovvero le incongruenze storiche del film, nel caso sopra citato avvenne in realtà due anni più tardi e non nel 1985. Leggendo le recensioni di chi ha già visto la pellicola si scopre che questa non sarà l’unica incongruenza, altre ricostruzioni sono inesatte, probabilmente adattate per esigenza di copione, visto che l’intero film è stato realizzato con la supervisione di May e Taylor. Nel vestire i panni di Freddie è stato scelto Rami Malek, nato a Los Angeles ma di origini egiziane, noto per essere il protagonosta della serie americana Mr.Robot,  “Quando ho ottenuto questo ruolo ho pensato che sarebbe potuta essere una performance in grado di definire una carriera. Due minuti dopo ho invece pensato, questa parte potrebbe distruggere una carriera“.

Rami Malek – Mr.Robot

Il film è scritto da Anthony McCarten, candidato all’Oscar per La Teoria del Tutto, produzione non priva di qualche intoppo, le riprese hanno visto succedersi due registi, inizialmente diretto da Bryan SingerI Soliti Sospetti – e concluso poi da Dexter FletcherBohemian Rhapsody vedrà la partecipazione anche di Joe Mazzello nelle vesti di John Deacon, il bassista, di Ben Hardy che sarà il batterista Roger Taylor, mentre Gwilym Lee interpreterà il chitarrista Brian May. Cameo anche per Mike Myers nelle vesti di Ray Foster, manager della casa discografica EMI.

Queen in Bohemian Rhapsody

Disponibile già la colonna sonora del film, Bohemian Rhapsody (Ost), un’ennesima raccolta ma con diverse curiosità, dall’inedito live da Parigi di Fat Bottomed Girls, a una rivisitazione di Don’t Stop Me Now, Love Of My Life tratta da Rock In Rio, fino all’epica esibizione in versione integrale del Live Aid a Wembley nel 1985. Come sempre non ci resta che concludere esclamando “God Save The Queen”. 

FR69

Dio salvi la Regina?

I Queen, o quel che ne rimane sono riapparsi ancora una volta in Italia insieme ad Adam Lambert in un’unica data all’Unipol Arena di Bologna. Da sempre sostengo che Brian May e Roger Taylor hanno il pieno diritto di continuare a calcare i palcoscenici di mezzo mondo e tenere viva la loro musica e soprattutto la loro voglia di suonare, ma i Queen, per chi come il sottoscritto ha avuto la fortuna di vederli dal vivo nella formazione originale, con Freddie Mercury e John Deacon erano un’altra cosa! Fatta questa doverosa premessa, la nuova formazione con alla voce il giovane prodotto del talent show American Idol, Adam Lambert, ha trovato comunque una sua identità. Se non altro il merito di portare in giro e far conoscere alle nuove generazioni la musica dei Queen. Per il Tour 2017 ecco uno show nuovo di zecca che include una produzione dal design all’avanguardia. La scelta della setlist tiene conto anche del quarantesimo anniversario dell’album, News of The World del 1977, che raccoglie gli inni immortali We Will Rock You e We Are The Champions e che verrà ripubblicato in un cofanetto speciale proprio oggi, venerdì 17 novembre, non tenendo conto di alcun tipo di scaramanzia.

Roger e Brian tengono ancora botta, come si suol dire e sul palco mostrano ancora grande tecnica ed esperienza. Per chi suona la batteria è più complicato, la fisicità dello strumento in due ore di concerto si sente tutta e per un classe ‘49 come Taylor alla soglia dei settant’anni è da standing ovation mantenere la qualità che esibisce in ogni sua performance. Ma le attenzioni ricadono tutte inevitabilmente sul frontman, il 35enne Adam Lambert, dal 2011 voce dei Queen. Ora sgombriamo subito ogni possibilità d’equivoco, nessun paragone con sua maestà Freddie, quella è un’altra storia, concentriamoci sul presente. Lambert tiene il palco, è istrionico e non scimmiotta per nulla l’originale.

Non ha la versalità di Mercury, ma ha l’estensione vocale adatta per reggere comunque su tutta la scaletta, anche se rende maggiormente nei pezzi più barocchi e rinascimentali come Killer Queen. Meno adatto su quelli invece particolarmente rock. La scaletta delle esibizioni ripercorre i passi dei greatest hits storici della band, non facile il confronto, soprattutto su brani dove non solo la voce, ma anche la mimica di Freddie Mercury diventava fondamentale. Così Another One Bites The Dust, I Want It All – mai cantata dal vivo da Freddie – e Radio Ga Ga soprattutto rimangono sospese nel giudizio. Bravo invece Lambert in pezzi come Don’t Stop Me Now o Somebody To Love, dove la sua estensione vocale si avvicina all’originale.

La band poi si divide tra presente e passato, con Taylor e May che si spartiscono i loro cavalli di battaglia, come Love of My Life o A Kind Of Magic, reinterpretandoli con la legittimità concessa a chi, di questi brani ne è l’autore. Insomma alla fine ci sta tutto, due ore divertenti che filano via, lasciando spazio anche al mai dimenticato Freddie Mercury al quale spetta di diritto dal maxi schermo l’esecuzione in playback di Bohemian Rhapsody, ogni tentativo di imitazione risulterebbe infatti una vera e propria profanazione. God save the Queen! Or Not?

FR69